HELLAS IN RIPRESA MA NON BASTA

Un Hellas in buono stato di forma parte forte ma poi si fa sorprendere da un contropiede del Pisa. Proteste finali per un rigore non concesso agli uomini di Pecchia.

Verona – L’Hellas perde l’occasione di portarsi a ridosso di Spal e Frosinone, impegnati nello scontro diretto, pareggiando 1 a 1 con un “ringhioso” Pisa. Peccato perché i gialloblù per l’ennesima volta non hanno saputo chiudere a loro vantaggio la partita. Così quest’altro mezzo passo falso evidenzia una volta di più un Verona incapace di riprendere quel passo baldanzoso della prima parte di questo campionato. Ad onor del vero l’Hellas visto nei primi quarantacinque minuti assomigliava proprio a quello smarritosi in questi ultimi mesi, con un Franco Zuccolini, vera anima veronese, a dare la carica ai compagni, che rispondevano egregiamente.

Un Verona, quello del primo tempo, molto offensivo che ha messo alle corde gli avversari tanto da passare in vantaggio con un’azione bella e travolgente, giocata a quattro tocchi: Romulo-Zuculini-Pazzini e Siligardi che finalizzava in rete. Questo accadeva al minuto 23, e tutto lasciava prevedere in una cavalcata trionfante, tanto gli uomini di Pecchia erano in palla in ogni reparto dettando legge.

Ma una volta ritornati in campo, dopo la pausa, arretravano nella loro metà campo, forse convinti di riuscire a portare a casa il risultato con il minimo sforzo, perdendo quello smalto che li aveva caratterizzati nella prima parte di gara. Forse anche un leggero calo fisico ha contribuito a questa non desiderata situazione, che ha portato gli ospiti al pareggio al minuto 82 sul secondo calcio d’angolo a loro favore grazie all’inzuccata di Tabanelli. La mazzata non faceva desistere i gialloblù dall’attaccare per cercare di rovesciare il risultato. E ci sarebbero forse riusciti se l’arbitro Rapuano avesse concesso il penalty per un evidente atterramento in area di Zaccagni. Ma così non è stato. E la partita è così finita 1 a 1 tra i fischi del pubblico verso il direttore di gara, che, già prima del rigore negato, gli era sfuggita la partita di mano. Ma questa non vuole essere una scusante.

Next stop Trapani, una gita non facile anche alla luce del risultato ridondante dei siciliani a spese del Benevento.

 

Massimo Rosa

direttore@panathlonarea1.it

 

Le principali dichiarazioni del presidente gialloblù Maurizio Setti, rilasciate al termine di Hellas Verona-Pisa (1-1), 32a giornata della Serie B ConTe.it 2016/17.

«Il rigore? Le immagini le hanno viste tutti, il rigore c'è, ci vuole più personalità per venire ad arbitrare a Verona, è un problema ricorrente. Nel calcio gli errori ci stanno, da parte di calciatori e arbitri, però questo episodio pesa molto. Non vogliamo fare processi, non ci gira benissimo, abbiamo preso gol su un'azione successiva all'occasione di testa di Ganz, serve però più attenzione anche da parte nostra. Il momento della squadra? Vedo un Verona che sta bene, in crescita. Cosa dire ai tifosi?  Ci sono ancora 30 punti in palio, il Verona sarà lì e lotterà fino alla fine per raggiungere l'obiettivo. Il messaggio migliore è quello dato con la rifinitura all'Antistadio: la squadra è stata applaudita, il pubblico è vicino. Io credo che se continuiamo così, giocando con questa intensità e con la voglia di vincere tutte le partite, la spunteremo. Questo Verona è una squadra giovane, siamo consapevoli che sotto certi aspetti va sostenuta e rassicurata. Abbiamo una rosa ampia e nonostante qualche infortunio, siamo fiduciosi perché chi scende in campo sta dando un grande contributo, sia che si giochi per 5 minuti, mezz'ora o per tutta la partita. Cosa chiedo al Verona? C'è consapevolezza dei nostri mezzi e di quello che possiamo fare, così come il giusto atteggiamento, questo mi fa dire che le vittorie arriveranno. Dobbiamo fare comunque di più trovare qualche soluzione alternativa: contro di noi gli avversari giocano con 8 uomini dietro, scardinare la linea di difesa diventa difficile. Pecchia? Sono molto soddisfatto, è un allenatore talmente innamorato del suo mestiere da volersi migliorare costantemente. Sono convinto della scelta che abbiamo fatto».

 

(fonte: Hellas Verona F.C. – foto: Francesco Grigolini Fotoexpress)

 

Vuoi contattare la redazione di Panathlon Planet? Scrivi a redazione@panathlonarea1.it

27 marzo 2017

Notizia redatta da Redazione