ESCE IL 90 SULLA RUOTA DI GENOVA

Beffa dell'ultimo minuto per il Chievo che era quasi riuscito a fermare un Genoa molto più in forma dei gialloblù.

Il quarto uomo aveva appena alzato la lavagna per i tre minuti di recupero, si era al novantesimo minuto, che Laxalt, appostato appena dentro l’area di rigore clivense, faceva partire il suo micidiale mancino per il pallone che finiva alle spalle di Sorrentino. Un tiro ed un goal il tesoretto che regala i tre punti al Genoa. Sfiga? No, assolutamente no.

Il Genoa dalla sua ha giocato un calcio ordinato e fatto di veloci scambi, pronto ad offendere e difendere con estrema facilità ed ordine, che ha spesso messo alle corde i clivensi, mettendo in mostra soprattutto un buono stato di forma fisica. Cosa, quest’ultima, latitante tra i gialli di Maran, e questo è un dato che fa meditare e preoccupare al contempo.

Il Chievo, bisognoso di fare punti tanto quanto il Genoa, non è riuscito nell’intento palesando, come già detto una scarsa forma fisica condizionante anche l’aspetto psicologico dei giocatori. Va da se, infatti, che se le gambe non girano si è condizionati in tutto per tutto, e questo è quanto apparso agli spettatori del Marc’Antonio Bentegodi.

Certo mancano ancora quattordici partite alla conclusione del torneo ed il cammino non è ancora compromesso, anche alla luce dei cinque punti di vantaggio sulla Spal, che però bisogna tenere a bada.

Ma per non scivolare ulteriormente occorre ritrovare la forma di alcuni essenziali giocatori, tra questi Meggiorini, Inglese e Castro, tre pezzi da novanta dello scacchiere del Chievo. Ma soprattutto Maran ha l’arduo compito di un recupero psicologico dei singoli, che in questo momento sentono troppo il peso della preoccupante classifica.

Tanto per cominciare sarà vitale battere il Cagliari di scena a Verona sabato prossimo, e con i tre punti ritornerebbe l’entusiasmo e la fiducia nei propri mezzi.

Inch’Allah.

 

Massimo Rosa

direttore@panathlonarea1.it

(foto: Udali/A.C. Chievo Verona)

Vuoi contattare la redazione di Panathlon Planet? Scrivi a redazione@panathlonarea1.it

12 febbraio 2018

Notizia redatta da Redazione